Spazio Serie A

De Zerbi rivela: 'Non allenerò mai quel club italiano. A Bologna sarei andato...'

di Claudio Ruggieri

Pubblicato il 18/11/2022

Una lunga e interessante intervista al manager del Brighton Roberto De Zerbi, ex allenatore del Sassuolo, che ha raccontato il suo impatto con la Premier League e ha rivelato di non poter mai allenare...

E' arrivato in Premier League dopo aver vissuto momenti drammatici sulla panchina dello Shakhtar, con l'inizio della guerra e la fine di quel sogno ucraino. Roberto De Zerbi è rimasto poco tempo senza panchina, infatti ha preso il posto di Potter sulla panchina del Brighton. Ha subito imposto il proprio stile di gioco, anche se l'impatto con la Premier è stato decisamente duro.

"E' stato faticoso. Per la lingua, per lo staff rinnovato, faticoso perché entravo in una squadra al quarto posto con un allenatore che aveva deciso di andare via. Faticoso anche perché dovevamo preparare la trasferta contro il Liverpool. La Premier è un campionato diverso, è faticoso.

Gli allenamenti sono più corti, più intensi, hai un solo giorno libero a settimana. È faticoso, ma l’ho presa con entusiasmo. Mi hanno accolto benissimo, soprattutto i tifosi che mi hanno accolto con un calore che forse non merito neanche. Ma l’ho presa con entusiasmo e mi sto divertendo".

Intervistato in esclusiva da Sportitalia, l'ex allenatore del Sassuolo ha elogiato Luciano Spalletti che sta facendo un grandissimo lavoro con il Napoli: "Per come gioca il Napoli potrebbe vincere la Champions League e Spalletti è il miglior tecnico italiano, è capace di cambiare le squadre, anche di cambiare il suo stile di gioco". De Zerbi ha poi raccontato la scelta di non andare a Bologna: "Fenucci sa la verità. A Bologna sarei andato a piedi, è una delle grandi piazze italiane. Ma in quel momento non ho ritenuto che fosse giusto per me, senza fare moralismi. Faccio quello che mi sento e decido io".

A proposito di panchine, De Zerbi mette in chiaro le cose e rivela di non poter mai allenare l'Atalanta: "Io sono un bresciano. Io mi porto dietro il ragazzo che andava in curva e faceva il raccattapalle allo stadio. Non posso andare all’Atalanta“. Il cuore del tifoso bresciano ha prevalso sull'allenatore professionista. Per ora De Zerbi è saldo sulla panchina del Brighton, chissà un giorno lo ritroveremo nuovamente in Serie A.

di Claudio Ruggieri

VAI ALLA CATEGORIA

Spazio Serie A

CONDIVIDI