“Sono il cugino di Weah”. Ali Dia e la grande truffa al Southampton!

Raccontiamo una storia particolare, la grande truffa del giocatore senegalese che si presentò come il cugino del famoso ex giocatore del Milan. Un’incredibile vicenda in Premier League.

La grande lezione di Claudio Ranieri

Il River Plate vince senza portiere. La folle notte di Perez: “Mai stato così teso”

Sta tornando la Formula 1 a Clairefontaine. Benzema fa davvero un altro sport?

“Pronto Gaetano, ti vuole il Real Madrid”. La pazza estate di D’Agostino!

Vardy: “Senza calcio sarei ancora in fabbrica a fare tutori. E quel viaggio a Ibiza…”

Aly Dia (nato il 20 agosto 1965), comunemente noto come Ali Dia, è un ex calciatore senegalese che ha giocato nel ruolo di attaccante.
Si trasferisce in Francia per giocare a calcio, vestendo i colori di quattro squadre diverse in quattro anni, passando dalla seconda divisione francese alle categorie minori. A circa 30 anni gioca per diverse squadre finlandesi, collezionando poche presenze prima di tentare l’esperienza con i tedeschi del Lubecca, dove gioca solo due partite.
Nell’estate del 1996 passa agli inglesi del Blyth Spartans, rimanendo per diversi mesi e giocando solamente una partita di campionato.
Nel novembre dello stesso anno, Dia convinse l’allora manager del Southampton, Graeme Souness, che era cugino di George Weah, vincitore del FIFA World Player of the Year e del vincitore del Pallone d’Oro. Firmò un contratto di un mese con il Southampton qualche giorno dopo.
Dia ha giocato solo una partita nel corso del suo breve periodo nel club inglese. Subentrò da sostituto, in una partita di campionato in cui venne sostituito a sua volta. Successivamente venne svincolato, dopo solo 14 giorni dall’inizio del suo contratto. A raccontare il pazzesco episodio ci ha pensato lo stesso Souness a Sky Sport.

“E’ una storia particolare, divertente. Ci dissero che il cugino di Weah era in Inghilterra e voleva effettuare un provino in un club di Premier. Così decidemmo di provarlo in allenamento. Tutti sanno che bastano cinque minuti per capire se un giocatore è bravo o no. Lui non era bravo, lo capimmo subito, ma purtroppo in quel periodo iniziammo ad avere tanti problemi fisici. Così decidemmo di tenerlo con noi ancora un po’ ma capimmo subito che non poteva continuare a giocare in Premier League“.

Dopo aver lasciato il Southampton Dia ha giocato per un breve periodo per i dilettanti del Gateshead, prima di lasciarli nel febbraio del 1997. Ha giocato solo otto partite per la squadra del Nord Est inglese, marcando anche un gol al suo esordio, in una vittoria per 5-0 sul Bath City… che eroe!

Simone Ruggieri

NON PERDERTI I NOSTRI APPROFONDIMENTI

0 comments on ““Sono il cugino di Weah”. Ali Dia e la grande truffa al Southampton!Add yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *