Napoli/ Gattuso il motivatore: Lozano, Osimhen…

Il tecnico del Napoli ha deciso di puntare su una formazione a trazione anteriore, merito della rinascita di alcuni giocatori offensivi.

Gennaro Gattuso è sempre stato uno che ha preferito i fatti alle parole. Lo è stato in passato da giocatore, continua a dimostrarlo oggi da allenatore. Ed il Napoli è passato in un anno da una situazione sportiva drammatica con Ancelotti in panchina, alla vittoria della Coppa Italia. E quest’anno ha iniziato benissimo il campionato. Il primo passo della gestione Gattuso è stato quello di motivare alcuni elementi che si erano completamente persi. La vittoria della Coppa Italia contro la Juventus ha ridato entusiasmo ad una piazza in cerca di calore per poter mostrare il proprio amore per la squadra. Gattuso è stato chiaro fin da subito, testa bassa e pedalare.

Fattore Osimhen

Il nuovo Napoli è ripartito in campionato con due vittorie nelle prime due giornate. E’ vero, Parma e soprattutto Genoa, in questo momento, non rappresentano un banco di prova importante per capire le reali potenzialità del Napoli. Eppure ci sono evidenti passi in avanti soprattutto per quanto riguarda la fluidità del gioco offensivo. L’arrivo del giovane Osimhen ha aperto un nuovo mondo al Napoli di Gattuso: niente più 4-3-3 (almeno per ora) e dentro il nuovo 4-2-3-1 con il bomber nigeriano “totem” dell’attacco ed abile ad aprire spazi per i vari Mertens, Insigne (in bocca al lupo Lorenzo per l’infortunio) e Lozano. Nessun gol per ora per l’ex attaccante del Lille ma tanto lavoro “sporco” grazie alle sue doti fisiche straordinarie. Gattuso ha elogiato pubblicamente il nigeriano per il suo grande lavoro iniziato nella ripresa del match contro il Parma e confermato nel confronto con il Genoa di Maran.

Il nuovo “Chucky”

A proposito di nuova ventata c’è da registrare anche la crescita costante di Hirving Lozano, oggetto misterioso nella scorsa stagione, fattore importante in questo inizio di campionato per il Napoli. Gattuso nel post partita contro i liguri lo ha definito maturo rispetto allo scorso anno. Una crescita dovuta soprattutto al lavoro del mister che nella scorsa stagione lo ha stuzzicato spesso e volentieri. Il nuovo “Chucky” è cresciuto fisicamente e mentalmente, Gattuso lo stimava fin dai tempi del Psv e in questa parte iniziale ha deciso di puntarci forte. Ma anche altri giocatori del Napoli stanno beneficiando della “cura” Gattuso: Victor Ruiz in primis sembra aver ritrovato lo smalto del primo anno a Napoli, lo stesso Koulibaly sembra voler restare per cercare di vincere qualcosa di importante a Napoli. Tutte componenti fondamentali per iniziare a guardare la stagione con il piglio giusto. Domenica sera sfida speciale tra Gattuso e Pirlo dal sapore azzurro: due amici fuori dal campo che per una sera diventeranno avversari. Il Napoli ha voglia di mandare un altro messaggio importante al campionato. La Juventus è avvisata.

Le cinque perle di Totti!

L’analisi sul nuovo Chelsea di Lampard

1 comment on “Napoli/ Gattuso il motivatore: Lozano, Osimhen…Add yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *