L’emozionante discorso di Gerrard nell’ultima partita con il Liverpool!

42 anni fa l’ultima in A di Rivera e il terrore di Buenos Aires

Adriano: “Scappai da Mourinho. Con la morte di mio padre ho perso il calcio”

Il meraviglioso Parma di Malesani e la vittoria in Coppa Uefa di 22 anni fa!

Sei anni fa l’ultima partita di Steven Gerrard con il Liverpool. L’ex capitano Reds riuscì a commuovere davvero tutti. E chissà che un giorno non possa tornare al Liverpool da allenatore.

Immaginate Anfield stracolmo di gente, nell’ultima partita del suo giocatore più amato e rappresentativo. Immaginate che anche i tifosi avversari si alzino in piedi per applaudire l’avversario di mille battaglie, che ha vestito la maglia della propria squadra per 710 volte. Tutto questo è successo per davvero ad Anfield il 16 maggio 2015, l’ultima partita di Steven Gerrard con la maglia del Liverpool. Dopo 17 anni dal debutto in prima squadra. La storia di Gerrard con il Liverpool iniziò il 29 novembre 1998 in un Liverpool-Blackburg, a pochi minuti dallo scadere del match, l’allora tecnico dei Reds Houllier decise di far entrare questo ragazzino di 18 anni che neanche i tifosi del Liverpool conoscevano. Fu l’inizio di una lunga storia d’amore con vittorie e sconfitte, gioie e dolori. E con un unico grande rimpianto, ovvero la mancata vittoria in Premier League.

Parlavamo dell’ultima partita di Gerrard, con uno stadio pieno di amore per lui, con un mega striscione per ringraziare la dedizione, l’impegno del capitano. E lui, Steven, mai così emozionato, soprattutto dopo la fine del match (finito tre a uno per gli avversari), assieme alle tre figlie, decide di lasciarsi andare in un discorso emozionante. Ed ogni singolo tifoso presente quel giorno ad Anfield, non ha saputo trattenere le lacrime.

Prima di tutto voglio ringraziare tutti quelli che nella squadra mi hanno aiutato in questi 17 anni. Ci sono troppi nomi da ricordare. Voglio ringraziare i miei compagni di squadra di oggi, anche quelli che non sono entrati in campo. E tutti i giocatori coi quali ho giocato in passato, che mi hanno reso quello che sono. Ma voglio riservare l’ultimo ringraziamento alle persone più importanti di ogni squadra di calcio: questi tifosi sono stati i migliori fra tutti quelli che ho incontrato. Prima di andarmene, prima che arrivino le lacrime… Ho giocato di fronte a un sacco di tifosi in giro per il mondo, ma lasciate che ve lo dica: voi siete i migliori. Grazie mille, vi auguro il meglio”.

Chissà quanti ricordi sono passati nella mente di Gerrard durante quel discorso, le 17 stagioni passate a difendere la maglia del Liverpool. Sicuramente avrà ricordato la vittoria in Champions League contro il Milan, una rimonta iniziata proprio con un suo gol. Avrà ripensato a quel famoso scivolone durante il match decisivo per la Premier contro il Chelsea che ha praticamente estromesso i Reds dalla vittoria finale. Dieci trofei vinti con la maglia dei Reds, 186 reti totali, un numero importante per un calciatore straordinario che avrebbe potuto lasciare il Liverpool in tante occasioni viste le numerose offerte dei club stranieri ma non ha mai accettato di poter andare via.

Oggi ritroviamo un Steven Gerrard fresco di vittoria del campionato scozzese con i suoi Rangers, una marcia trionfale piena di record, nominato miglior allenatore in Scozia e pronto ad approdare in grandi club. Ed è qui che il sogno dei tifosi del Liverpool è quello di vedere l’ex capitano sulla panchina dei Reds, magari dopo l’epopea di Klopp che è riuscito a vincere una Champions ed una Premier League sulla panchina del Liverpool. Ma al cuor non si comanda e chissà che il cerchio tra il Liverpool e Gerrard non possa chiudersi proprio con la vittoria della Premier questa volta da allenatore. Anche perché in questa stagione gli uomini di Klopp rischiano seriamente di finire fuori dalla prossima Champions League a causa di stagione con tante ombre e poche luci. A due giornate dal termine il Liverpool è quattro punti dietro il quarto posto ma ha una partita da recuperare. Nell’ultimo periodo i Reds sembrano aver ritrovato lo smalto dei giorni migliori ma non dovranno fare ulteriori passi falsi.
In caso di qualificazione alla prossima Champions League Klopp potrebbe restare e chissà se il destino non porti Gerrard ad Anfield da avversario.

Claudio Ruggieri

NON PERDERTI I NOSTRI APPROFONDIMENTI

0 comments on “L’emozionante discorso di Gerrard nell’ultima partita con il Liverpool!Add yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *