Klose shock: “Ho due trombosi. Devo fermarmi”

L’ex attaccante della Lazio ha rivelato il motivo del suo addio al Bayern Monaco dovuto a dei gravi problemi di salute. Una rivelazione importante da parte di Klose.

Simeone: “Suarez arrabbiato, l’ho convinto in questo modo”

Muller ad Alaba: “Se giochiamo contro ti starò dietro per sculacciarti”

Tutti i segreti del Lille dei miracoli: da Ylmaz a Galtier, fino alla delusione PSG

Il Bayern Monaco ha cambiato completamente registro in vista della prossima stagione. L’addio di Flick, che ha ufficializzato il suo rapporto con la Nazionale tedesca, ha portato alla guida tecnica il giovane Nagelsmann, ex allenatore del Lipsia, che ha entusiasmato tutta la dirigenza bavarese. Anche Miroslav Klose ha lasciato il Bayern Monaco, ma questa volta non c’entrano nulla motivi sportivi bensì qualcosa di molto più grave. E’ stato l’ex attaccante della Lazio a rivelare il problema di salute che lo ha costretto a lasciare il ruolo di vice allenatore del Bayern Monaco. In un’intervista esclusiva rilasciata a Kicker, Klose ha parlato del suo addio ai bavaresi.

A causa di due trombosi alla gamba dovrò stare a riposo. La diagnosi è stata un po’ scioccante per me. I medici mi hanno chiarito molto bene che questa situazione non deve essere sottovalutata. Per la prima volta mi hanno prescritto un riposo quasi totale. Non posso fare jogging, non posso nuotare, ma soprattutto non posso giocare a calcio. Sono quasi impazzito. Nei giorni seguenti ho pensato che non avrei mai voluto iniziare la mia carriera da allenatore nel calcio professionistico in questo modo. O tutto o per niente. Adesso devo prendermi questa breve pausa, ma dopo tornerò e sarà pronto ad allenare“.

Nei giorni scorsi c’è stato un contatto tra Flick e il suo ex vice al Bayern Monaco, ma Klose ha declinato l’offerta perché dovrà assolutamente curarsi e tra due settimane dovrà nuovamente sentire uno specialista per capire se il problema è passato. Klose è stato molto chiaro con la stampa, non tornerà a ricoprire il ruolo di vice-allenatore finché non sarà completamente guarito. Una situazione delicata quella dell’ex bomber della Lazio che nei mesi scorsi è stato ospite a Milanello per seguire gli allenamenti di Stefano Pioli. Uno stage che ha entusiasmato il tedesco che si lasciò andare a parole importanti nei confronti del tecnico rossonero.

Non so se fra il Milan e Rangnick ci sia effettivamente stato qualcosa. Io posso dire che Pioli è molto bravo: è onesto, è umano, è completo. Migliora i giocatori. Ha semplicemente bisogno di tempo. Deve conoscere i giocatori e loro devono conoscere lui. Che cosa pretende l’allenatore in allenamento? Che cosa i giocatori? Serve tempo. Se il Milan darà a Pioli la possibilità di lavorare a lungo, allora sarà vincente. La squadra può anche vincere lo scudetto“.

A proposito di Klose e del suo modello di calcio, il tedesco è stato molto chiaro nelle scorse settimane: “Da giocatore ne avevo una molto offensiva. Mi piaceva fare pressing alto. La mia filosofia di gioco, ora, va in quella direzione. Voglio avere spesso la palla e voglio averla a lungo. In questo modo si può essere dominanti. Posso valutare e decidere quando accelerare il gioco e quando rallentarlo. Con il possesso palla posso anche sviluppare un certo dinamismo. In realtà il dinamismo si può sviluppare anche quando la palla ce l’hanno gli avversari. Più velocemente riesco a organizzarmi, più in fretta attacco gli avversari, prima riesco a riprendere la palla. La mia filosofia si può riassumere in poche parole: dominare il gioco ed essere dinamici“.

In fondo da giocatore Klose è stato un bomber formidabile molto forte fisicamente, abile tecnicamente e soprattutto tatticamente preparato. Un mix che lo ha permesso di diventare tra i bomber principali in Europa. In Germania, e non solo, sono in tanti ad essere curiosi di vedere in panchina il panzer teutonico che prima però cercherà di stare bene fisicamente. La notizie della doppia trombosi alla gamba ha ovviamente fatto il giro della stampa italiana e molti tifosi biancocelesti sui vari blog hanno già mandato il loro supporto emotivo al campione tedesco.

Claudio Ruggieri

NON PERDERTI I NOSTRI APPROFONDIMENTI

0 comments on “Klose shock: “Ho due trombosi. Devo fermarmi”Add yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *