Chelsea/ Lampard, serve pazienza. Progetto ambizioso ma…

Una riflessione sul nuovo Chelsea di Frank Lampard autentico protagonista del calciomercato con tanti colpi importanti.

Pazienza. E’ sicuramente la parola più usata dal manager del Chelsea Frank Lampard in questo inizio di stagione. La Premier è ripartita ed il calciomercato in tempo di Covid ha sicuramente fatto segnare il grande ritorno di Roman Abramovich, il magnate russo proprietario del club londinese che ha deciso di tornare a spendere come ai vecchi tempi. O quasi.

Mentre in passato il Chelsea aveva spesso portato a Londra giocatori già affermati, questa volta gli sforzi economici sono stati mirati verso giocatori giovani e di talento. Ben 247 milioni di euro spesi in questa sessione per rinforzare la rosa di Lampard: la stellina del Leverkusen Kai Havertz, 19 anni, acquistato per 80 milioni di euro, il bomber tedesco del Lipsia Timo Werner, 24 anni, arrivato a Londra per 53 milioni di euro, il terzino inglese del Leicester Chilwell, 23 anni, strappato alla concorrenza con un assegno da 50 milioni di euro. In più Lampard ha chiesto l’acquisto dell’esterno ex Ajax Ziyech per 40 milioni di euro oltre al portiere del Rennes Mendy pagato 24 milioni di euro. Per aumentare l’esperienza in difesa il colpaccio a costo zero è stato Thiago Silva, un vero e proprio mentore per i tanti giovani presente nella rosa dei Blues. Un esborso economico importante che potrebbe non fruttare immediatamente in termini sportivi.

La formazione di Lampard sembra decisamente lontana dal Liverpool di Klopp o dal City di Guardiola. Nelle prime due giornate di Premier League sono arrivate una vittoria all’esordio ed una sconfitta nel big match casalingo proprio contro i Reds. La sensazione è che il Chelsea non sia ancora pronto per competere per il titolo e debba fare attenzione anche ad Arsenal e Manchester United (occhio a qualche outsider) per la corsa Champions League. Soldi buttati? Assolutamente no, a patto che a questo giovane Chelsea venga dato del tempo per mostrare l’enorme bagaglio tecnico della rosa di Lampard. In questo caso sarà fondamentale la conferma di Kanté (che piace tanto all’Inter) per dare esperienza ed equilibrio al centrocampo. Senza dimenticare che la formazione londinese, a causa del blocco del calciomercato, ha puntato (giustamente) su alcuni talenti del proprio settore giovanile riportati alla base. L’attaccante Tommy Abraham, 15 gol nella scorsa Premier League ed il trequartista Mason Mount, sono due esempi lampanti. Lampard, inoltre, potrà contare su Pulisic che ha mostrato il proprio talento nella scorsa stagione.

Giovani, forti e con grande personalità. Un mix perfetto per tornare a vincere. Magari non subito, servirà tanta pazienza. Vero Frank?

Claudio Ruggieri

0 comments on “Chelsea/ Lampard, serve pazienza. Progetto ambizioso ma…Add yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *