Alino, fenomeno in campo e sui social. Quanto manca il suo mancino

Un personaggio incredibile che ci ha fatto innamorare con il suo inconfondibile calcio. Ora se lo godono in Australia, nel giorno del suo compleanno abbiamo celebrato la sua meravigliosa leggerezza di vivere sui social

Cassano: “Fonseca mai protetto dopo il derby”. E poi Vieri attacca i giornalisti…

Napoli, De Laurentiis e la conferma di Gattuso. Occhio all’orgoglio di Rino…

Guardiola e quell’aneddoto su Cruyff prima di una finale

Provate a fare un giro sui social e a dare un’occhiata al suo profilo Instagram. C’è del genio anche nel modo di comunicare e di raccontare se stesso. I suoi video sono una botta di vita, una scarica di adrenalina che coinvolge spesso tutta la sua famiglia. Con il classico accento toscano ad amplificare quel tono ironico, goliardico, naturale.

Gioca, sorride e continua a dare spettacolo a 38 anni suonati con la maglia del Western Union in Australia. Anche se, Alino ha provato a darci un taglio: “28 anni e non sentirli. Oggi è quel compleanno lì”. Scrive così dal suo account ufficiale, cancellando dieci anni dalla sua carta d’identità. E per come gioca ci sarebbe quasi da credergli. Musica maestro, oggi si festeggia a modo suo, ecco uno degli ultimi video postati dal suo account ufficiale. “It’s Friday Guys”.

Alino creava dipendenza in campo, era un piacere vederlo giocare in serie A. Il suo mancino è una roba rara che regala gioie e vibrazioni. Adesso se lo godono in Australia. Diamanti, l’italiano giramondo che è passato da Londra, sponda West Ham agli ordini di Zola, quindi al Watford di Gino Pozzo, in Cina da Lippi e infine in Australia. Nel mezzo mille parentesi italiane che hanno colorato la sua carriera come un arcobaleno. Si sono divertiti a Prato, Livorno, Bologna, Firenze, Bergamo, Palermo e Perugia.

E’ stato corteggiato dalla Juve di Conte e dal Milan di Allegri. Ha detto no e non ha mai forzato la mano con il suo club. E’ uno che si alimenta del suo stesso entusiasmo e se sta bene non chiede nient’altro di quello che ha già. Ha sfiorato l’impresa con la maglia della Nazionale, piazzandosi secondo a Euro 2012 con la spedizione di Cesare Prandelli.

Si diverte da matti quando c’è da lanciare un attaccante a rete (chiedere info al Gila) o da calciare una punizione dalla sua zolla preferita. E’ davvero riduttivo parlare solo di campo. Alino è un personaggio a tutto tondo, che usa i social per raccontarsi con leggerezza, senza prendersi sul serio e trasmettendo messaggi distensivi. Insomma, è uno che sa quali corde toccare. Un Diamante vero, che ha fatto breccia anche in Australia dove è seguitissimo dai suoi fan.

Alino crea dipendenza, in campo e sui social. Proprio come il suo sinistro, un pezzo raro da custodire nei migliori musei della penisola. Buon compleanno Alino, sempre con la tua inconfondibile ironia.

Mario Lorenzo Passiatore

Foto e video dal profilo Instagram di Alessandro ‘Alino’ Diamanti

NON PERDERTI I NOSTRI APPROFONDIMENTI

0 comments on “Alino, fenomeno in campo e sui social. Quanto manca il suo mancinoAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *